Il metodo include varie tecniche ipopressive con posture e movimenti che permettono di ottenere una riduzione della pressione nelle cavità toraciche, addominali e pelviche. 

Origine

La tecnica ipopressiva (HT) è stata creata dal Professor Marcel Caufriez, Dottore in Scienze Umane e Riabilitazione, che con la sua dedizione alla riabilitazione uro-genitale ha realizzato che la riabilitazione post-parto tradizionale danneggia la parete pelvica, accentuando l'incontinenza, i prolassi, la diastasi ed altre problematiche. Dopo questa intuizione, ha quindi sviluppato queste tecniche per creare un Metodo Ipopressivo, che ha varie applicazioni nel campo della salute, della prevenzione e in quello sportivo.

equilibrio

1. Riduzione del girovita


Il Metodo Ipopressivo riduce il girovita per attua una contrazione non volontaria della fascia addominale. Gli esercizi ipopressivi nascondono la pancia senza nemmeno richiedere impegno. Si aumenta così il tono della fascia addominale a riposo. In rilassamento avrete un addome più piatto e più solido.

2. Riduzione dei dolori lombari


Negli esercizi ipopressivi le vertebre vengono separate e decompresse dalla diminuzione della pressione, quindi il mal di schiena e gli altri squilibri vertebrali diminuiscono o scompaiono.

3. Migliora le funzioni sessuali


L'aumento del flusso sanguigno e l'incremento della sensibilità nell'area genitale permettono un miglioramento del desiderio, delle sensazioni e del controllo nell'ambito sessuale.

4. Migliora le performance sportive


Il miglioramento dei muscoli respiratori, l'aumento dei globuli rossi e il perfezionamento della postura producono grandi incrementi nella performance atletica. I globuli rossi e gli altri parametri sanguigni aumentano in misura ancora maggiore nelle condizioni di alta preparazione sportiva.

 

Contatti

Per qualsiasi informazione ci potete contattare ai seguenti recapiti:

Letizia Greco
cellulare 329 5866160
e-mail:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.